Fiera di Pordenone

Le classi prime dei settori elettrico, energetico ed informatico hanno visitato la fiera del Radioamatore, la grande fiera italiana di elettronica, radiantistica e fotografia.

 

Sabato 16 Novembre, insieme ai miei compagni di classe Davide Modolfino e Davide Zanchi, accompagnati dai prof. Onor, Bui e Fornasier, siamo andati alla Fiera di Pordenone; erano presenti anche altri ragazzi delle prime dei nostri settori.

Siamo partiti alle 8:30 circa dal C.F.P. “don Bosco” e alle 9:30 eravamo lì. Ci hanno dato i biglietti e ognuno poteva andare dove preferiva, sia da soli sia in gruppo. Io ho scelto di stare da solo perché volevo girare tutta la fiera con calma, senza qualcuno che mi dicesse: “Dai andiamo lì, questo padiglione non mi piace, ecc.”.

Non ho acquistato nulla anche se c’erano moltissime cose, che però non mi ispiravano, nel senso che costavano poco e non mi sembravano in ottime condizioni. Questa fiera è una specie di mercato enorme in cui ci sono solo bancarelle con oggetti elettronici, ad esempio: lampadine, strisce led, powerbank ed altre cose simili.

A mezzogiorno, finito di girare la fiera, ho deciso di andare nel bar accanto all’entrata e mi sono mangiato un ottimo panino con la salsiccia. 

Ho notato, poi, un padiglione a pagamento, ma prima di acquistare il biglietto ho osservato cosa c’era al suo interno: c’erano pc, mouse, tastiere, lego ecc. Ho deciso di entrare, visto che il prezzo del biglietto era di 4€ e non mi sembrava eccessivo; inoltre, potevo entrare e uscire quante volte volevo.

Sono entrato, ho fatto un giro veloce di circa 5 minuti per dare un’occhiata alle cose che mi interessavano di più e per gestire al meglio il mio tempo: c’erano negozi di Pop-Up, che sono dei pupazzetti di vari personaggi, c’era un negozio di Katane, poi un bar in cui vendevano coca cola alla fragola, alla vaniglia e ad altri gusti e c’erano delle cameriere che, mentre bevevi o mangiavi, ti intrattenevano, facendoti fare giochi da tavolo o raccontandoti barzellette o storielle; c’era anche un’area enorme dedicata ai Lego, molto belli ma complicati da creare. La parte in cui mi sono divertito di più è stata la zona in cui si trovavano molti pc con i quali si poteva giocare gratuitamente.

Infine, alle 15, ci siamo ritrovati, tutti puntuali, nel posto stabilito la mattina e poi siamo partiti per tornare a casa. Anche il viaggio è stato molto divertente, perchè i professori ci lasciavano tenere la musica e parlavano tranquillamente di cose anche non scolastiche con noi. È stato anche un momento per confrontarci e secondo me è stato uno dei momenti più belli. Alle 16 circa siamo arrivati al C.F.P. e ognuno è tornato a casa. 

Se potessi rifarei questa esperienza altre mille volte.

Lorenzo Teso, classe 1F

  • anno formativo 2019-20

SEGUICI SUI SOCIAL

             

CFP CNOS-FAP DON BOSCO - via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE) - tel. 0421 338 980 - Organismo di Formazione accreditato dalla Regione del Veneto